Yom Hazikaron è il giorno del ricordo di tutti i cittadini di Israele

Il nome di Mohammed Abu Khdeir, l’adolescente sedicenne palestinese bruciato a morte nel mese di luglio, è stato inserito nel Memoriale Nazionale delle vittime del terrorismo presso il cimitero nazionale sul Monte Herzl a Gerusalemme.

La sua memoria è stata commemorata ufficialmente dallo Stato di Israele durante la cerimonia di Yom Hazikaron, il giorno commemorativo ai soldati morti per la patria e le vittime del terrorismo, che è iniziato ieri al tramonto e finisce oggi al tramonto.

Questo adolescente palestinese di Shuafat, villaggio a Gerusalemme Est, era stato ucciso e bruciato da un gruppo di estremisti israeliani in rappresaglia per il rapimento e l’assassinio di tre adolescenti israeliani (Gilad Shaer, 16, Eyal Yifrah, 19, e Naftali Fraenkel, 16), vicino a Hebron da parte di terroristi islamici palestinesi di Hamas.

Lo scorso luglio, il Ministro della Difesa di Israele aveva già riconosciuto Mohammed Abu Khdeir come vittima di un “atto ostile” e concesso una compensazione alla famiglia del ragazzo identica a tutte le vittime del terrorismo.

“Questi assassini non rappresentano il popolo ebraico o al loro valore, e devono essere trattati come terroristi”, ha detto Moshe Yaalon, il ministro della Difesa. “Non permetteremo ai terroristi ebrei in mezzo a noi di  rompere il tessuto delle diverse comunità dello Stato di Israele, e danneggiare persone innocenti solo perché arabe. Dobbiamo combattere gli autori, e coloro che li incoraggiano con pugno di ferro”.

Il suo nome è stato aggiunto alla lista delle vittime del terrorismo sul sito ufficiale dello Stato di Israele, gestito dal governo israeliano.

Hussein Abu Khdeir, il padre del giovane Mohammed, ha accolto con favore questa iniziativa per onorare la memoria di suo figlio, aggiungendo, però, che ciò che lo motiva prima di ogni altra cosa è la giustizia. Vuole che coloro che hanno ucciso il figlio siano oggetto di una dura pena. Yosef Chaim Ben David, un residente della località di Adam in Cisgiordania e due minori di 16 anni, membri della stessa famiglia, sono stati accusati di rapimento e omicidio di Mohammed Abu Khdeir.

Commenti

comments