Parte la stagione balneare in Israele: 21 spiagge premiate con la Bandiera Blu

Con l’approssimarsi dell’estate è partita ufficialmente la stagione balneare 2016 in Israele, con ben 21 spiagge premiate dalla Foundation for Environmental Education, l’ente preposto alla verifica dell’ eccellenza ambientale, con la Bandiera Blu.

Tra le 21 spiagge premiate spiccano la spiaggia Hukuk del Lago Kinneret; la spiaggia Dado ad Haifa; Chanz, Onot, Amfy, Herzl, Sironit Nord, Sironit Sud, Laguna-Argaman e le spiagge Poleg a Netanya; le spiagge Metzizim e Gerusalemme a Tel Aviv; la spiaggia HaKachol a Rishon Lezion; Mei Ami, Oranim, Lido, Kshatot, Yod Alef, Riveria ad Ashdod e la Hash’hafim Beach a Eilat. Anche i porti turistici di Herzeliya e di Tel Aviv sono stati premiati da EcoOcean con la Bandiera Blu.

Già definite lo scorso anno da Usa Today come le migliori spiagge al mondo per trascorrere le proprie vacanze nel più completo relax, le spiagge israeliane aumentno ogni anno i propri servizi anche per le persone con disabilità: solo a Tel Aviv oggi sono ben quattro i lidi che offrono accessi speciali per le persone con disabilità: Tzuk, Tzuk Nord, Metzizim e Hilton, tutte nella parte settentrionale della città.

Anche la sicurezza dei bagnanti è considerata molto importante dai responsabili dei vari stabilimenti, dove la balneazione è vietata qualora non sia presente un bagnino o la bandiera nera sia stata issata, e dove – questo anche per la salvaguardia dell’ambiente – non sono ammesse moto d’acqua né barche in prossimità delle rive, e non è consentita la circolazione con veicoli a motore sulle spiagge e sul lungomare, così come l’accensione di falò. Altre spiagge ancora sono attrezzate per chi vuole portare in riva al mare i propri animali.

“Dalla costa mediterannea fino ad Eilat sul Mar Rosso, Israele è assolutamente perfetta per una vacanza balneare. Nel periodo estivo il Paese si arricchisce poi di eventi culturali che renderanno indimenticabile una vacanza splendida e forse inaspettata”

ha detto Avital Kotzer Adari, direttore dell’ufficio Nazionale Israeliano del Turismo in Italia.

Commenti

comments