Anche lo chef israeliano Mashe Besson al Vegetarian Chanche

Moshe-Basson-vegetarian-chanche-coolisrael

Anche lo chef israeliano Moshe Basson farà parte della giuria internazionale della terza edizione del concorso The Vegetarian Chance, Festival Internazionale di cultura e cucina vegetariana nato da un’idea di Pietro Leemann e Gabriele Eschenazi ed in programma l’11 e 12 giugno al MUDEC di Milano. La kermesse internazionale di cucina vegetariana, che sta riscuotendo sempre maggior successo tra gli amanti di questo tipo di cucina, avrà infatti Basson come ospite d’eccezione per la terza edizione di “The Vegetarian Chance”,  che proprio domenica 12 giugno, alle 17, terrà un suo show cooking dal titolo Prima della fame, nel quale attraverso i suoi piatti introdurrà gli astanti nel mondo biblico agli albori della civiltà, quando l’uomo, come si legge nella Genesi, era vegetariano.

Basson,  specialista in cucina biblica, etnobotanico, esperto in dieta mediterranea, storico dell’alimentazione, attivista in difesa dei cibi antichi, vegan friend è un cuoco poliedrico e speciale come indica la sua storia: arrivato con la sua famiglia a Gerusalemme dall’Iraq nel 1951 manifestò da subito una grande attrazione per il cibo e la cucina mentre il padre apriva una panetteria del villaggio arabo di Beit Safafa.

A detta di Basson ad ispirarlo furono le donne della famiglia e tutte quelle che incontrava nei villaggi: da ognuna apprese un segreto e poi dopo aver servito nell’esercito come ufficiale, aprì un ristorante nell’antica casa di famiglia che aveva una particolarità che la rendeva decisamente unica nel suo genere: era stata costruita intorno a un albero di eucalipto, che lo stesso Moshe da bambino aveva piantato nel giorno del Capodanno degli Alberi. A quell’albero è intotolato il ristorante, dove Moshe propone una cucina basata sugli ingredienti menzionati nella Bibbia ebraica e raccolti sulle colline intorno a Gerusalemme. L’Eucalyptus, noto in tutto il mondo, è riconosciuto dalla Vegan Friendly Society israeliana come un ristorante, dove l’ampia scelta dei piatti consente di vivere un’esperienza vegana biblica completa.

“Un’occasione eccezionale per scoprire un volto inedito della nostra Israele”

ha dichiarato Avital Kotzer Adari, direttore dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo, per poi aggiungere:

“Attraverso la cucina del nostro Moshe Basson, e non solo, condurremo tutti i visitatori del festival a scoprire quanto sia varia l’offerta turistica della nostra terra dove la sola Tel Aviv è stata prescelta come la miglior destinazione al mondo per l’offerta di cibo vegetariano dalla preziosa CNT Traveller di Condenast per “l’abbondanza di materia prima, per le piramidi scintillanti di melanzane, peperoni e cavolo ammucchiati come pin-up al mercato Carmel della città”.

Commenti

comments