Biennale Venezia 2017: sarà Gal Weinstein a rappresentare Israele

biennale-venezia-2017-israele-padiglione-gal-weinstein

Inizia a delinearsi la lista dei partecipanti alla prossima Biennale di Venezia del 2017, l’Esposizione Internazionale di Arte Contemporanea divenuta ormai un simbolo in tutto il mondo: sarà infatti Gal Weinstein, nato a Ramat Gan nel 1970, con studi a Gerusalemme e Tel Aviv, a rappresentare Israele. L’annuncio è stato dato pochi giorni fa dal ministro della cultura israeliano Miri Regev. L’artista israeliano ha dichiarato che la sua esposizione sarà focalizzata principalmente sull’evoluzione del suo lavoro negli anni recenti. Il Padiglione sarà curato da Tami Katz-Friedman ex Haifa Museum of Art in Israel. Entrambi sono stati scelti da un comitato formato dal dipartimento delle arti visive del Ministero della Cultura.

Già noto in Italia per aver esposto le proprie opere alla Galleria Riccardo Crespi di Milano nel 2014, Weinstein è celebre per l’utilizzo di materiali molto diversi tra loro e decisamente originali, quali la lana d’acciaio, il legno, la ruggine, il marmo, la moquette, la candeggina e persino la maculazione della muffa, che vengono lavorati ed utilizzati in sostituzione del disegno per creare veri e propri capolavori. Attraverso la pittura, la fotografia, l’installazione, la scultura e il video l’artista tenta di esplorare il mondo fisico, con un metodo che definisce “scientifico”.

Attraverso le tre gallerie previste del Padiglione Weinstein ha dichiarato il proprio intento:

“Mi impegnerò soprattutto con le interazioni tra iconografia e la loro concretizzazione fisica”

Nell’immagine in alto: un autoritratto di Gal Weinstein

 

Commenti

comments