Ritrovata una moneta d’oro con l’immagine di Nerone, risale a un decennio prima della distruzione di Gerusalemme

Una rara moneta d’oro, ben conservata, con l’immagine dell’imperatore romano Nerone è stata trovata dagli archeologi dell’Università del North Carolina durante un recente scavo nella zona del Monte Sion, appena fuori la città vecchia di Gerusalemme.

“La moneta è eccezionale perché è la prima volta di questo tipo che è stata scoperta a Gerusalemme in uno scavo scientifico. Queste monete si trovano di solito solo in collezioni private, in cui non abbiamo prove chiare riguardo al luogo di origine”, ha detto il dottor Shimon Gibson, che ha co-diretto lo scavo con il Dr. James Tabor e il Dr. Rafael Lewis.

Nella scritta sul bordo della moneta si legge: “NERO CAESAR AVG IMP.” Sul rovescio della medaglia vi è una rappresentazione di una corona di quercia contenente le lettere “EX S C”, con la scritta circostante “pontif MAX TR P III”.

Secondo Gibson, la moneta risale a poco più di un decennio prima della distruzione di Gerusalemme da parte dei Romani nel 70 dC, sottolineando che la sua identificazione è stata fatta dallo storico Dr. David Jacobson a Londra e che, con molta probabilità, apparteneva a una ricca famiglia di Gerusalemme e che i “reperti includono le camere ben conservate di un grande palazzo, una vasca rituale ebraica (Mikve) e un bagno, entrambi con i loro soffitti intatti”.

Questo palazzo, assieme ad altri, è stato completamente distrutto da Tito e dalle sue legioni, quando Gerusalemme fu rasa al suolo dai Romani.

Commenti

comments