Yom haShoah: per non dimenticare, l’iniziativa di Zikaron baSalon

zikaron-ba-salon-yom haShoah

Yom haShoah è uno tra i giorni più tristi di Israele, tutto il paese si raccoglie nel ricordo di un momento terribile che ha colpito il popolo ebraico, infatti in questa giornata commemorativa, ovunque si ricordano più di 6 milioni di ebrei, e tutte le minoranze sterminate e  nei campi di concentramento dalla follia nazista, il culmine è la sirena che suona per un lungo minuto, e chiunque a piedi o in macchina si ferma e ascolta in silenzio.

Se vogliamo continuare a vivere e lasciare una traccia alla nostra discendenza offrendo loro un segno indelebile affinché nel futuro non possa più capitare una tragedia simile, dobbiamo innanzitutto non dimenticare.

In Israele tutti i media in questi giorni, programmano filmati, servizi e diffondono interviste ai pochi sopravvissuti alla Shoah, ma questo non basta, perché il tempo passa e gli scampati all’eccidio nazista sono sempre meno.

Un’iniziativa interessante che vogliamo mettere in evidenza è Zikaron baSalon (il ricordo in salotto), un evento annuale che avviene in Israele proprio durante il giorno di Yom haShoah. L’idea, come descritto dagli organizzatori di questo evento nasce dalla comprensione che il “Ricordo” e la società civile attuale stiano piano piano perdendo un giusto legame, e da qui l’idea di organizzare questi incontri nelle case di chiunque lo voglia.

Esiste la possibilità di proporre la propria ospitalità, o se si preferisce di poter semplicemente partecipare, gli eventi vengono fatti in molte lingue e non solo in ebraico, esiste una pagina web dove poter consultare gli incontri in base alla zona e alla preferenza della lingua, circa 1000 appuntamenti in tutto il territorio di Israele.

Un momento intimo all’interno di un ambiente familiare, dove con amici, parenti e ospiti, si discute, si legge, o si sentono melodie e storie dei sopravvissuti alla Shoah, spesso con la presenza di uno di loro.

Confrontarsi è importante affinché quella tragedia mai più avvenga.

Commenti

comments