Lo shuk, il mercato tipico in Israele: 5 tipi di pubblico che lo frequentano

In Israele il mercato si chiama Shuk, come in tutte le parti del mondo è uno dei posti caratteristici di una città, i venditori urlano e nel frastuono la gente fa i propri acquisti.

Allo Shuk potrete trovare di tutto…non ci riferiamo ai prodotti quanto alle persone.

Ecco 5 tipi di persone che potrete trovare negli Shuk di Tel Aviv o Gerusalemme, tra questi i più interessanti potreste essere proprio voi!

1)Il turista sprovveduto:

Questi abitualmente percorrono il mercato in maniera inversa rispetto al flusso regolare, invece di scegliere un lato si mettono in mezzo, e ovunque si fermano per una foto su Instagram, vi riconoscete, non preoccupatevi questo rientra nello spirito di un turista, curioso di non perdere i piccoli particolari del proprio viaggio!

 

2) Il pendolare:

Sono coloro che dovendo passare per lo shuk loro malgrado, zigzagano tra i turisti ed i venditori, sono quelli che conoscono in che punto esattamente trovare una scorciatoia, magari passando dietro i banchi della frutta, non comprano mai nulla, e se sono costretti sono sempre pronti a trattare, sentendosi più furbi degli altri.

 

 

3) L’Entusiasta dei Matkot – racchettoni:

Sapete che in Israele giocare a racchettoni o meglio detti Matkot è un rito, non c’è una spiaggia che non abbia come sotto fondo il suono della pallina che sbatte sul racchettone. Bene da ovunque nel mondo vengono in Israele e spesso proprio allo shuk per comprarne un paio, bene questo tipo di persona è capace di perdere un intero pomeriggio per cercare il prodotto più giusto, magari con il prezzo più basso, e nel perdere tempo, si fermerà a mangiarsi una pita con il falafel o un bel piatto di Hummus, per poi continuare la ricerca il giorno successivo.

 

 

4)I ciclisti seriali:

In Israele sono molto in voga le biciclette elettriche o i monopattini elettrici (korkinet), una grande comodità ma allo stesso momento rappresentano qualche pensiero, infatti in Israele i possessori di biciclette elettriche sono timorosi dei furti della bicicletta o della semplice batteria, e vanno in giro con più di una catena. Quando passano nell’area del mercato, non mollano la bicicletta da nessuna parte e se non possono starci sopra la trascinano nel marasma di gente, pensate cosa può essere questo mercato il giorno di Shabbat, quando tutta la città si riversa al mercato per spese tradizionali.

 

 

5)LA nonna o come dicono da queste parti “Safta”:

Le nonne sono il motore portante di questo paese, all’interno di qualsiasi Shuk sia a Tel Aviv come a Gerusalemme non hanno rivali, riescono con la gentilezza o la sfrontatezza (che da queste parti si dice Chutzpah), ad ottenere quello che vogliono, prezzo e prodotto migliore, non provate nemmeno a metterle in discussione, sarete da subito perdenti!

Commenti

comments