Scoperti i cancelli della Fortezza del Deserto di Salomone

cancelli fortezza Salomone Israele

Un importante ritrovamento che segue posti ed episodi come descritti nella Bibbia nel Primo Libro dei Re.

Ciò che probabilmente sembrano essere li cancelli di Salomone, come descritto nel Primo Libro dei Re nella dalla Torah (Antico Testamento), sono stati scoperti nel parco Biblico di Tamar nel sud di Israele. Uno studente di archeologia che ha partecipato ad un tirocinio di cinque giorni di scavo, ha affermato che la scoperta da evidenza del controllo del regno di Giudea nell’area di Tamar.

La Torah (Antico Testamento) racconta che Salomone costruì una fortezza nel deserto. Gli archeologi, hanno trovato i segni della presenza di questo insediamento, con tutte le caratteristiche di un avamposto fortificato, sempre gli archeologi sono convinti di aver trovato i segni dei cancelli della fortezza di Salomone.

Parco biblico Tamar Israel

I ritrovamenti, sono coerenti con il Primo Libro dei Re, dove è scritto che Salomone costruì la cittadina di Tamar nel Deserto (Libro 1 – capitolo 9:19), nei ritrovamenti compaiono i resti degli altari pagani distrutti da Re Josiah, passaggio descritto nel Libro 1 dei Re (capitolo 13:3), proprio fuori dai cancelli della fortezza.

La Dott.sa Tali Erickson-Gini, archeologa dell’Autorità Israeliana per gli Scavi ed l’Archeologia, afferma che i ritrovamenti hanno scoperto la fortificazione del parco  Biblico di Tamar, probabilmente risalente all’epoca del I Tempio, lei insieme al Dott. James Tabor e al Dott. Yoram Haimi, ha condotto scavi per cinque giorni, scoprendo con successo i cancelli, come detto risalenti all’epoca del I Tempio.

I cancelli già nel 1955 furono parzialmente scoperti nel 1995 dal Dott. Rudolph Cohen e dal Dott. Yigal Israel, non non avendo potuto portare a termine gli scavi, coprirono il sito archeologico con la sabbia, proprio per permettere in futuro di poter condurre delle ricerche approfondite, Finalmente possiamo dire che per la prima volta, gli archeologi sono arrivati alla conclusione dello scavo arrivando all’origine, che in gergo si definisce la linea di deposizione.

La dott.sa Tali Erickson-Gini ha detto che si sta lavorando su punti dell’area molto antichi, oltre a trovare l’area di snodo degli antichi camcelli, si è trovata una sezione del camminamento e in più punti si stanno trovando strutture che definiscono le caratteristiche di questo antico insediamento.

Il Parco Biblico di Tamar è uno dei siti archeologici più antichi nel Sud d’Israele, ed è l’unico che mostra la storia archeologica dell’epoca di Abramo, si trova vicino alla Via delle Spezie, punto di snodo dei commerci dell’epoca ed è un capolavoro della eredità ebraica nella terra di Israele.

L’organizzazione Blossoming Rose è la curatrice del Parco Biblico di Tamar. Paul Lagno lavora presso questa associazione dal 2010, concentrando la sua attività sull’esibizione del padiglione dei Tabernacoli.

La Blossoming Rose nel corso di questi 30 anni  ha contribuito notevolmente alla custodia ed al miglioramento del sito archeologico, portando migliaia di volontari, che hanno contribuito a rendere l’area circostante più verde con la deposizione di alberi dietro l’area archeologica del Parco.

La partecipazione dei volontari agli scavi è un fatto di grande valore, che ha facilitato e velocizzato l’attività di ritrovamento di reperti storici.

Il Parco di Tamar, permette a ciascun visitatore di percepire il valore di ciò che è descritto nella Bibbia, e ad avvalorarne il valore storico. grazie a questi scavi, sta diventando un punto di interesse nel territorio.

 

Commenti

comments