Ecco chi sono gli israeliani che hanno avuto successo nel 2018

Ecco chi sono gli israeliani che hanno avuto successo nel 2018

Il 2018 per Israele si è chiuso con un bilancio più che positivo in vari campi, dalla scienza, allo sport, agli affari, social media, tecnologia, intrattenimento, fino alla cucina.

Ricercatori, scienziati, startup e innovatori israeliani hanno ottenuto premi, medaglie e riconoscimenti internazionali per i loro successi e le loro tecnologie innovative.

Il portale online NoCamels ha indicato gli israeliani che nel 2018 hanno avuto un grande successo non solo nel proprio paese ma in tutto il mondo. Questi i nomi:

Nuseir Yassin, noto come NAS Daily, è uno dei creatori di contenuti di maggior successo sui social media negli ultimi due anni, tanto da avere oltre 11 milioni di follower su Facebook. I suoi video all’inizio erano nati per documentare le sue avventure di viaggio, poi il progetto si è trasformato ed oggi NAS Daily approfondisce una serie di argomenti, da questioni ambientali a norme sociali e culturali, a pregiudizi di genere, abitudini curiose, dinamiche relazionali, tendenze culinarie e a fantastiche esperienze di viaggio. Tutti i video sono prodotti in modo semplice, con osservazioni puntuali sull’umanità in tutta la sua complessità con storie incredibili e poco note.

Nuseir Yassin

Alyne Tamir, alias Dear Alyne, è presente in molti video di Yassin, oltre ad essere la sua fidanzata. Pubblica video ogni giorno in cui affronta diversi argomenti come femminismo, sessismo, materialismo, vegetarismo, consumismo e viaggi. Uno dei suoi video più popolari si chiama “The Pink Tax”, ha oltre 45 milioni di visualizzazioni ed approfondisce il modo in cui i prodotti e i servizi sono commercializzati per le donne a prezzi molto più alti. Inoltre gestisce un popolare gruppo chiuso chiamato Girls Gone Global che è cresciuto fino a oltre 100.000 membri.

Alyne Tamir

Netta Barzilai ha raggiunto la sua fama internazionale per aver vinto l’Eurovision Song Contest con la canzone “Toy”, facendo guadagnare ad Israele la sua quarta vittoria nell’ambito della storia del concorso internazionale. L’ultima volta che una cantante israeliana ha vinto l’Eurovision è stato nel 1998 con Dana International e la canzone “Diva”. La venticinquenne, originaria di Hod Hasharon, è stata festeggiata a livello locale ed internazionale per il suo talento.

Netta Barzilai

Erel Margalit è uno dei più importanti imprenditori e investitori sociali e tecnologici di Israele, fondatore e presidente di Jerusalem Venture Partners (JVP), che finanzia e sviluppa startup. Margalit ha fondato a Gerusalemme nel 2002 l’organizzazione sociale Bakehila per bambini svantaggiati e nel 2006 il JVP Media Quarter, un incubatore tecnologico che funge da centro per ingegneri, artisti, scrittori e culturale influencer, inoltre a Beersheba ha creato un centro di cybersecurity.

Erel Margalit

Lior Raz e Avi Issacharoff sono noti al pubblico internazionale come co-creatori della famosissima e pluripremiata serie “Fauda”, che è stata presentata per la prima volta in Israele nel 2015 e su Netflix alla fine del 2016. Fauda è stato nominato tra i migliori programmi TV del New York Times nel 2017. La seconda stagione è sbarcata su Netflix a maggio 2018 e la terza stagione è in lavorazione.

Lior Raz e Avi Issacharoff

Tal Rabin, esperta di crittografia, dirige il Cryptography Research Group presso l’IBM Watson Research Center di Yorktown Heights, a New York. Ha conseguito un dottorato in informatica presso l’Università ebraica di Gerusalemme e un post-dottorato presso il Laboratorio di informatica del MIT. È la fondatrice del programma Women In Theory (WIT), un evento biennale per studenti universitari esperti in informatica.

Tal Rabin

Hossam Haick, docente alla Wolfson Faculty of Chemical Engineering presso il Technion di Haifa, ha sviluppato una tecnologia unica che consente diagnosi mediche basate sul respiro. Haick ha ricevuto il Premio Innovazione della Commissione Europea per l’invenzione dello SNIFFPHONE, un dispositivo che utilizzando sensori nanotecnologici, analizza particelle sul respiro ed è in grado di individuare malattie esatte, come alcuni tipi di cancro ed anche le prime fasi di malattie neurodegenerative.

Hossam Haick

Orna Berry, scienziata pluripremiata, è una imprenditrice high-tech con esperienza nel campo della tecnologia e della scienza. È stata la prima, e fino ad oggi unica, donna a capo dell’Israel Innovation Authority del Ministero dell’Economia. Ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Viterbi Award della University of Southern California (USC) per l’integrazione dell’imprenditorialità con l’eccellenza professionale.

Orna Berry

Yuval Noah Harari è autore del best-seller “Sapiens: A Brief History of Humankind” che diventerà un film. Il libro, che ha venduto circa 10 milioni di copie in oltre 50 lingue, si concentra sulla storia umana nell’ambito della biologia evolutiva, tracciando l’evoluzione della nostra specie nell’età moderna.

Yuval Noah Harari

Linoy Ashram è una campionessa di ginnastica ritmica. Ha vinto l’oro nella competizione Rhythmic Gymnastics World Challenge Cup a Minsk, che includeva cerchio, clavette, palla e nastro.

Linoy Ashram

Sagi Muki è un judoka e nel 2018 ha vinto due medaglie d’oro, una ai Campionati Europei 2018 tenutasi a Tel Aviv ad aprile, e una seconda al Judo Grand Competition che si è svolta ad Abu Dhabi ad ottobre.

Sagi Muki

Eyal Shani è uno chef famoso in tutto il mondo per il suo piatto d’autore: il cavolfiore arrostito. È stato giudice per il famoso spettacolo di cucina israeliana “Master Chef”, deliziando e annoiando gli israeliani con commenti eccentrici.

Eyal Shani

Gal Gadot, attrice e modella, è conosciuta in tutto il mondo per aver interpretato Wonder Woman. È stata selezionata dalla rivista TIME per la sua annuale lista delle 100 persone più influenti del 2018. Nel 2017, secondo un rapporto di Google Trends, è stata la sesta persona più cercata su Google.

Gal Gadot

Adam Neumann è co-fondatore di WeWork che ha dato vita a 10 sedi di workspace in diversi paesi, la maggior parte dei quali a Tel Aviv. Dal 2010 WeWork ha lanciato WeLive, una comunità di co-vita urbana che fornisce appartamenti arredati, spazi comuni e servizi condivisi.

Adam Neumann

Credit Photo nocamels.com

Commenti

comments