I siti naturali israeliani sono accessibili alle persone con disabilità

Israele disabilità coolisrael

Israele già da tempo ha reso fruibili parchi nazionali, riserve naturali, siti archeologici ed altro a persone con disabilità.

Strutture per una maggiore accessibilità alle persone con disabilità sono state installate in circa 70 parchi nazionali israeliani, siti archeologici e siti del patrimonio gestiti dall’Israel Nature and Parks Authority (INPA) e in 300 boschi gestiti dal Keren Kayemeth LeIsrael-Jewish National Fund (KKL-JNF).

L’accessibilità copre tutto, dal parcheggio ai sentieri, dai servizi igienici alle aree picnic. Alcuni parchi sono dotati di segnaletica vocale e segnalatori sensoriali per le persone con disabilità visive, e parchi giochi adattativi e impianti sportivi per persone con diverse disabilità.

Zeev Margalit, direttore di conservazione e sviluppo dell’INPA, ha spiegato che 20 anni fa i primi due siti preparati per le persone con disabilità sono stati Masada e Tel Dan. Masada, famosissimo sito patrimonio mondiale dell’UNESCO, è una fortezza in cima alle montagne.

“Quando abbiamo terminato l’adattamento di Masada nel 2000 – ha raccontato Margalit -, un gruppo di 50 persone con disabilità è salito in cima grazie alla funivia. È stato molto emozionante e diverse persone hanno pianto”.

Oggi ogni nuova installazione in un sito dell’Israel Nature and Parks Authority è pianificata in coordinamento con un professionista dell’accessibilità.

Israele siti naturali accessibili a persone con disabilità

A dicembre scorso, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità, più di 1.000 visitatori con varie problematiche hanno esplorato quattro siti del Keren Kayemeth LeIsrael-Jewish National Fund dove sono state organizzate una serie di attività: Hula Lake Park a nord, Ilanot Forest e Ben Shemen Forest al centro e Beit Eshel a sud.

A Hula Lake Park, che ha ricevuto l’Israel Accessibility Prize nel 2016, circa 400 partecipanti sono stati portati in un tour esperienziale su un carro attaccato a un trattore, dando loro una visione ravvicinata degli uccelli e della fauna selvatica intorno al parco.

Oggi tutti i parchi di Israele sono più user-friendly per tutti e anche le persone con disabilità possono visitare i siti e godere tutte le attività che queste aree hanno da offrire.

È possibile parcheggiare facilmente, fare una breve passeggiata e divertirsi. L’accessibilità ha aperto le porte alle famiglie che hanno congiunti con disabilità.

Il percorso che collega i punti di osservazione è accessibile ai disabili, con colonne “step hear” che aiutano i visitatori con problemi di vista tramite un bracciale al polso o un’applicazione che attiva l’audioguida informativa.

 parchi nazionali Israele persone con disabilità

Merav Davidian, direttore Keren Kayemeth LeIsrael-Jewish National Fund, come riporta il portale online Israel 21c, ha spiegato:

“Abbiamo investito enormi risorse per rendere i numerosi siti accessibili ai disabili in modo che le persone con disabilità possano visitare e fruire di boschi, parchi e spazi aperti presenti in tutta Israele”.

Questo il link dove trovare le informazioni sui circa 50 siti KKL-JNF accessibili a persone con disabilità: http://www.kkl-jnf.org/tourism-and-recreation/accessible-forests-parks-sites-israel/

A questo link le informazioni sui siti accessibili di Israel Nature and Parks Authority: http://www.kkl-jnf.org/tourism-and-recreation/accessible-forests-parks-sites-israel/

Credit foto: Israel21c

Commenti

comments